Giugno 2012

Martedì, 19 giugno 2012

Andare, venire

Due notti senza te
un tempo interminabile.
Accendere la luce
leggere
non trovarti accanto
immaginarti
vederti nella mente
sfiorarti
catturare il tepore del tuo corpo addormentato,
indugiare con gli occhi sui lineamenti ora distesi,
e sentire dentro montare come onde del mare
una miscela di sentimenti,
amore,
riconoscenza,
stima, affetto, gratitudine
che provengono da te,
mia compagna amata
e che verso te ritornano.

Robin delle stelle


[Testi presenti in Diario Intimo]