Aprile 2008

Martedì, 1 aprile 2008

Colpa del Whisky

Sarà colpa del whisky
o sarà colpa del caffè…
ma non mi ricordo più
di te.
Sarà che questa sera
fa un freddo micidiale,
sarà che non ho neanche voglia
di parlare…
Ma no, non andartene adesso,
non andartene, rimani,
dimmi almeno,
dimmi almeno come ti chiami…

Ma dài, scherzavo dài,
ma cosa ti salta in mente…
ricordo il tuo nome
perfettamente,
ce l'ho stampato in testa
fin da quando t'ho veduto,
l'amavo già da prima…
prima ancora d'averti conosciuto.

Mi piaci tu, mi piaci tu, mi piaci tu…
ma come te lo devo dire?
Mi piaci tu, mi piaci tu, mi piaci solo tu…
ma come te lo devo dire?

Mi piace proprio come sei
e anche quella che vuoi sembrare,
mi piace perché non ce la fai
e allora ti lasci andare.
Mi piaci quando fai l'amore
e al buio ti sento respirare,
mi piaci quando riapri gli occhi
e dici di vedere il mare.

Mi piaci tu, mi piaci tu, mi piaci tu…
ma come te lo devo dire?
Mi piaci tu, mi piaci tu, mi piaci solo tu…
ma come te lo devo dire?

Mi piaci tu, mi piaci tu, mi piaci tu…
ma come te lo devo dire?
Mi piaci tu, mi piaci tu, mi piaci solo tu…
ma come te lo devo dire?… te lo devo dire.

Vasco Rossi (Il mondo che vorrei)

Venerdì, 4 aprile 2008

Ritrovarsi (Diario di Jo)

Io, pensando a te, alterno momenti di nostalgia a momenti di incontenibile felicità e di profonda gratitudine per avermi preso per mano; a momenti di rabbia per non essere vicino a te e non poterti parlare se non via telefono (che odio!) - spesso con dialoghi che ci allontanano - a momenti di intenso desiderio dove scapperei da te per chiederti attimi di infinito. Sto provando tutto lo scibile emozionale con te. E questo è il miracolo.
Vorrei poter suonare con te, poter ancora ascoltare musica con te. Per me l'esperienza musicale (sia essa di solo ascolto o di esecuzione) è trascendentale, mistica, superiore all'umano. Potere unire questa esperienza alla conoscenza di te mi sta facendo impazzire di… pace assoluta. Ma la pace assoluta è tutt'altro che calma, è una tempesta di percezioni indescrivibili, è un orgasmo spirituale (perdona il paragone forse azzardato).

Avrei bisogno delle tue ali attorno al mio corpicino oggi (o sempre) per sentirmi amata e coccolata. E mi mancano i tuoi occhi luminosi capaci di scrutarmi dentro. E mi mancano le tue mani che mi accarezzano il viso con infinita dolcezza e che mi avvolgono con implacabile desiderio.
Amore disperato e grandissimo… ti amo come una fanciulla ama il suo principe. Tu sei un piccolo principe, non dimenticarlo. E io sono una piccola volpe che con te ha ricominciato ad emozionarsi.
Ti abbraccio e ti accarezzo le guance. Non vedo l'ora di rivedere i tuoi occhi…

Alba


"Amore disperato e grandissimo"… è questa la verità che sentiamo, la verità che sappiamo: ma non è molto consolante vero? Amore disperato! Alla lettera significa "amore senza speranza", senza speranza in un futuro di condivisione. Era questo che volevi dire, magari inconsciamente?
Oggi, quando ascoltavo lei al telefono, mi veniva da piangere non perché provassi ancora qualcosa risentendo la sua voce, ma perché la sentivo parlare come si parla a un comune amico, a un semplice conoscente… come se nulla fosse successo, come se sentirmi dopo un anno di silenzi fosse la cosa più naturale del mondo, come se il suo amore non fosse mai esistito. L'ho odiata in quel momento… odiata perché sembrava aver dimenticato le parole, dimenticato i gesti, dimenticato tutto.
Stasera, quando tu hai risposto al mio "ti amo" con il tuo "io ti amo di più, angelo" una tristezza incredibile ha oscurato il mio sorriso che si era illuminato fin dal primo momento che avevo rivisto il tuo volto: perché era sempre con quel suo "io di più" che lei rispondeva quasi sempre al mio "ti voglio bene".
Penso che non avrò più bisogno di quell'incontro che tu sembravi auspicare tra me e lei: perché se c'era bisogno di una catarsi, di una purificazione per liberarsi definitivamente dai fantasmi, quella è avvenuta proprio oggi… con una telefonata!

Sto pensando al miracolo meraviglioso di due cuori che si riconoscono tra la gente, che si cercano, due cuori che si ritrovano tra una moltitudine di estranei, tra un mare di persone che non si arriverà mai a conoscere del tutto: per mancanza d'affinità o, semplicemente, per assenza di curiosità e d'interesse. E tu non puoi immaginare quanto io sia felice di potere ora silenziosamente gridare: - guardate: quello è il mio amore!

Ho paura che tu ti possa scoraggiare, paura che tu ti possa arrendere. Lo so che non possiamo pianificare quello che ancora deve succedere; ma volevo dirti che io - per te - ci sarò… e ci sarò per sempre.

Jo (Sullivan, Diario di Jo)

Venerdì, 4 aprile 2008

Parole (Diario di Jo)

Non c'è mattino che non inizi con un piantino. Malinconia forse, desiderio smisurato d'amore, voglia di scappar via, bisogno di essere… sempre.
Sento scoppiarmi dentro questo amore… ma so di non essere mai stato felice come adesso (Jo)

A volte, sai, t'immagino come potevi essere con i tuoi amori precedenti, e sarei talmente masochista da volerti vedere persino adesso. Forse perché in parte io ti vedo ancora come quello strano personaggio - sognatore e affascinante - conosciuto per caso, un uomo che scrive un diario dove racconta il suo amore. Forse una parte di me ti sta ancora mitizzando, associandoti solo a quella misteriosa persona che ha vite parallele, vite dense di emozioni, di poesia e di passione.

Ma ora ti ho per me e devo pensare solo a noi due, lontano da tutti i pensieri parassiti. Per questo cercherò di non leggere più il diario. Perché ora dobbiamo diventare l'uno per l'altro persone reali, talmente reali da starci quasi sulle scatole!!! Io ho un bisogno quasi patologico della vicinanza fisica, un bisogno di guardare, di osservare, di scrutare, di annusare (sono una feticista dei profumi e degli odori naturali emanati dalle persone, finché si tratta di buoni odori naturalmente!), un bisogno di toccare - e forse mi piace maggiormente toccare, sfiorare, accarezzare dolcemente piuttosto che baciare. E poi ho voglia di parlare con te.
Non possiamo solo sognare, ma dobbiamo raccontarci che cosa ci succede, che ragionamenti facciamo, che cosa odiamo. Certo, poter solo sognare - abbracciata a te, sdraiati in un parco sui colli, di notte, a guardare le stelle mentre in sottofondo ci culla una bella musica - beh, questo sarebbe il mio paradiso! Ma, Jo, non possiamo; il mondo ci chiede altro. E allora assecondiamolo 'sto mondo… ma prendiamolo anche un po' in giro e teniamo duro, difendendo a tutti i costi il nostro amore.

Che bello questo amore che non chiede nulla, che non vive di nulla se non dell'emozione stessa che da esso emana, che gode del poco che gli viene dato e ringrazia anche per quel poco. È davvero fuori dall'umano.
È tutta la vita che rincorro questo sogno: amare senza progettualità, senza le famose sovrastrutture, senza ufficializzazioni, senza schemi, senza ragionamenti, ma solo in nome della purezza del sentimento stesso e dello stordimento emozionale che questo ci regala. Nessuna presentazione agli amici, ai genitori, nessuna rivelazione al lavoro, nessun anello, nessuna casa, nessuna macchina, nessun negozio, nessun ristorante, nessun cinema, nessun vestito, nessuna vacanza, nessun appuntamento o telefonata sull'agendina, niente. Solo amore…
Quando mai, se conosciamo un libro, o un quadro, o un cd, o un film che magari poi diverranno parte della nostra vita e ricordo indelebile, ci mettiamo a gridarlo ai quattro venti, lo riveliamo ad amici e parenti? È un nostro segreto, patrimonio del nostro spirito… e resta solo nostro. Non ci salterà mai di dire: "stasera non posso uscire perché devo ascoltare un cd", diremo pittosto "stasera ho voglia di stare da solo…" e poi ci ascolteremo il nostro cd in santa pace, in barba a tutti i curiosi che cercheranno d'immaginare, senza frutti, che cosa mai potremo fare stasera, chiusi in casa, di così tanto divertente da rinunciare a un aperitivo o ad una cena con gli amici.
E quel cd ora sei tu. Sei la mia musica, come dici tu. Sei il mio film, il mio quadro preferito. Sei la sorgente cui si disseta il mio spirito.

"Disperato", "Io ti amo di più", "ti adoro", "amore grandisssimo" sono tutte parole stupide con cui cerco di dare un nome a questo sentimento che è ben più dell'amore. È un tutto che mi fa tremare.
Perdonami, spesso mi esprimo e mi esprimerò in modo orribile e indegno per descrivere quello che siamo io e te. Ma io non so parlare… e non so scrivere. Però so che ti amo.
Tua, per sempre…

Alba (Sullivan, Diario di Jo)

Sabato, 5 aprile 2008

I tuoi occhi raccontano

Nei tuoi occhi smarriti,
trovo l'affronto
a un corpo dolorante.
Dentro i tuoi occhi preoccupati
c'è il contorcersi incessante,
fragili barricate,
poste per riprender fiato,
fragore di demolizione,
arretramento e ancora barricate.
Nei tuoi occhi angosciati
scopro il soccombere
del sorriso che mostro,
di spiritose parole
che camuffan maldestre tracce
di disperata lotta.
Nella profondità dei tuoi occhi
si riflette il calvario
di un impari confronto,
la soverchiante forza
di un aggressore spietato.
Dentro i tuoi occhi
è inciso
l'amore
di cui giorno per giorno mi nutro,
sentimento indecifrabile
che dono
a mia volta
a te.

Robin delle stelle

Domenica, 6 aprile 2008

Non per noi questa vita (Diario di Jo)

Insieme abbiam voluto tutto questo.
Il caso - semmai - ci ha fatto soltanto
incontrare.
Non una fatalità questo amore…
ma scelta solo nostra,
scelta consapevole,
scelta responsabile.

Ma io voglio - adesso lo voglio - il tuo
amore umano, come sei capace.
Ed io t'amerò con tutta la mia
rabbia, e con tutta la mia dolcezza,
e con tutta quanta la mia musica…
e con tutto il mio essere imperfetto.

Jo


Sei la mia energia e il mio spirito. Da quando conosco te posso dire di non avere mai amato prima.
Ma come vivrò - dimmi - se non potrò condividere questa felicità con nessuno né, tanto meno, con te?
Il tempo, forse, me lo insegnerà…

Intanto vivo d'immagini e di sogni. E piango, piango perché amo un uomo che il mondo mi ha sottratto… che il mondo non mi concederà mai. Ma so che sarò per sempre tua anche a costo d'impazzire, e che non me ne pentirò finché non mi chiederai di smetterla.

Jo, ho bisogno di te perché ti amo.
Ti amo! Che posso dire di più?
Mi manca l'aria senza il tuo viso dolce.
Io ti amo. Te lo sto gridando…

Alba (Sullivan, Diario di Jo)

Martedì, 8 aprile 2008

Canon a 2 per motum contrarium (Diario di Jo)

Amore, come sempre ho poco tempo… ma continuo a volerti gridare che ti amo.
Non sono d'accordo sul fatto che io non mi fidi di te e che quindi - per questo - non mi apra completamente. Semplicemente non so aprirmi di più per telefono o per email. E, comunque, mi è lo stesso davvero difficile. Dovrei averti davanti per poterti accarezzare fino alla nausea e, nel frattempo, raccontarti tante cose. Mi servirebbero i tuoi capelli fra le mani, da spettinare… capisci? E avrei bisogno del tuo corpo da spapuzzare mentre parlo di massimi sistemi.
Non ho paura di me o di te. Ho paura del destino. Vuoi forse dirmi che sei stato tu l'unico artefice della fine con lei? O forse lei è stata l'unica responsabile della fine con te?

Una cosa, secondo me, è successa in entrambi i casi. Passati 2 o 3 anni (tempi canonici di durata media di un innamoramento) forse era giunto il momento di rimboccarsi le maniche e di volerlo responsabilmente questo amore. E non solo perché il cuore batteva, non solo perché il corpo sudava e la voce tremava mentre la testa partiva al solo pensiero dell'altro. Anzi, mentre tutto ciò forse stava finendo, proprio in quel momento sarebbe dovuta iniziare la fase di progettualità dell'amore, quella in cui ogni cosa avviene solo perché costruita, alimentata da entrambi; il fato, a questo punto, non avrebbe più avuto nessun ruolo, nessun potere, e le emozioni - quelle incontrollabili - neppure!
Tuttavia, come avreste potuto - sia nel primo che nel secondo caso - costruire un amore che non aveva modo di autoalimentarsi, dato che il vedersi era raro e, comunque, sempre denso di angoscia e di sottesi sensi di colpa?
L'amore abbisogna di sguardi quotidiani, di mani che si cercano… di mani che possano ritrovarsi. E so che, prima o poi, arriverà il tempo dove il pensiero, e quelle parole che noi tanto amiamo, non saranno più sufficienti. Così, tra noi due, forse si riproporrà la medesima situazione. È vero, per ora ci basta la pura bellezza; ma che faremo quando il tempo sarà passato, quando gli incontri clandestini e le lettere - quelle meravigliose lettere che ora ci fanno compagnia - non ci basteranno più? quando, peggio ancora, non ci emozioneranno più perché il nostro cuore avrà di nuovo bisogno di freschezza, di leggerezza, di quelle cose che solo un amore giovane e spensierato possono dare?… e non certo un amore oppresso da pesi e da progetti? Ne hai già uno tu così, bello e unico quanto vuoi… ma comunque tutt'altro che fresco. E allora che fare?
Amore mio splendido, nulla! Io spero solo che il destino ci faccia capire che il nostro sentimento avrà delle possibilità in più rispetto alle storie abituali che il mondo racconta; spero che il fato ci indicherà una strada, un modo per far sì che il nostro amore fiorisca alla luce del sole. E senza la sofferenza esagerata di nessuno. Non so come, e non so quando. Ma voglio sognare anche su questo.

Mi manchi, mi mancano le tue gambe magre e la tua voce concitata, i tuoi pensieri trasbordanti di gioia e di magia. Quando ti avrò un po' per me? Non voglio pensarci, dato che non so neppure se una risposta esista.
Ti sogno giorno e notte… e ti bacio nel modo più dolce.
Tua, tua - ricordalo - tua…

Alba


Stasera è toccato alla tua lettera ad essere letta in mansarda… e poi ad essere bruciata sul tetto. Mi si è stretto il cuore vedere le volute di fumo innalzarsi da essa.
La tua lettera è amara… amara forse perché profondamente "vera". Ma su questo punto - io e te - siamo molto, molto diversi.
Con questa tua si chiuderà definitivamente il Diario di Jo, con una lettera che io non avrei mai avuto il coraggio di scrivere.
Ora ho bisogno di ritrovare il mio sogno… un sogno che non sia soltanto ineluttabilità, fatalità, resa.

E adesso che sono arrivato
fin qui grazie ai miei sogni…
che cosa me ne faccio
della realtà?

Adesso che non ho
più le mie illusioni…
che cosa me ne frega
della verità?

Adesso che ho capito
come va il mondo…
che cosa me ne faccio
della sincerità?

Vasco Rossi

Jo (Sullivan, Diario di Jo)

Mercoledì, 9 aprile 2008

Un pensiero a Welby

Immobile,
nella scintigrafia,
il dolore è qui intenso,
nulla può contrastarlo;
il movimento
fa fallir l'esame,
la difesa è l'attacco,
chiedo aiuto alla mente,
il timone è ora suo.
Il bianco del soffitto
diventa un vascello,
il quadro si trasferisce
nella stanza di Welby.
Sprazzi, flash,
su anni
vissuti dentro a un letto,
sorge
convinzione tranquilla
che in quella stanza,
in quel letto,
abbia vissuto ben poco,
sempre a trasferirsi
in luoghi irraggiungibili,
peregrinare instancabile
da un ovunque
ad altro ovunque.

Robin delle stelle

Giovedì, 10 aprile 2008

Senza riserve

Mi piace la tua invadenza,
la tua intelligenza
e quel tuo essere dolce
senza consapevolezza,
quel tuo essere per me
senza riserve.

Stanotte mi hai svegliato:
desideravi forse
mi riaddormentassi con un sorriso?

Ho bisogno delle tue parole…
più di quanto io voglia ammettere
più di quanto tu possa immaginare,
bisogno uno dell'altro,
bisogno di questo stupore…
e di una poesia che continui.

Sully

Domenica, 13 aprile 2008

Ingenuità

Si può davvero definire ingenuo chi opta per la verità? Chi crede nella parola data o nella promessa fatta ad un amico? Chi crede che una tensione spirituale o un'emozione genuina possano davvero cambiare le persone? Chi crede davvero a una vera condivisione, a una comunione piena di pensiero? Ingenuo chi crede nella possibilità di dire davvero tutto? Chi si sforza - in ogni gesto - di vivere la trasparenza fino in fondo, anche a costo di perdere ogni cosa?
Recentemente qualcuno mi ha definito un ingenuo. La realtà è che sono stanco, stanco di essere stanco, stanco d'inseguire chi continua a nascondersi, chi continua a mostrarsi solo a tratti…

Siamo imperfetti… e non tanto per i limiti che ci abitano, quanto per l'incapacità di credere fino in fondo al potere di una bellezza che ci cambia.

Sully

Domenica, 13 aprile 2008

Senza fine…

Desideravo davvero essere
meraviglia, e stupore, e tenerezza…
un ponte di giada tra cielo e terra
con i colori dell'arcobaleno,
un angelo a cui aggrapparsi quando la
gioia si cela troppo in fondo al cuore.

Desideravo essere spirito
soltanto - non linfa, non carne e sangue,
non quel drago che semina dolore,
che semina distruzione e rimpianto.
Desideravo essere un'idea
di libertà… e una poesia nel vento.

Spaventato, smarrito, incatenato
- come gabbiano a forza trattenuto -
vorrei gridarti piano, ancora, e sempre,
che solo il vero amore fa volare,
che solo il vero amore ci libera…
che solo il vero amore non ci perde.

Senza fine

Prova a crederci!
Tu sei speranza, una presenza che continua… e un'attesa di gioia.
Desidero poterti amare con il candore e con tutta la bellezza che mi sarà possibile… ma senza distruggere i giardini che ospitano i nostri passi. Ho bisogno di santificare questo amore… ma temo che non vorrai provarci.

Quando ti scrissi la prima volta era a questo che pensavo: a un amore che ci facesse vivere entrambi, e non a un amore che ci tarpasse le ali con i suoi limiti. Fino ad ora non mai trovato nessuno con cui crederci per davvero. Vogliamo provarci insieme?
Ti amo senza fine, gioia mia.

Sully

Domenica, 13 aprile 2008

Visioni

Non esisto per lasciare un segno nel mondo. Esisto per vivere la mia vita in un modo che mi renda felice (Richard Bach)

Ti ho cercato per amarti…
perché eri pura bellezza,
nostalgia di un sogno, pura visione.
Ma tu mi chiami Angelo…
e così ho giurato a me stesso
che lo sarei diventato.
Per amore tuo… (Sully)


Il tempo, quando si sta in ascolto, lascia sempre tracce del suo passaggio, tracce che talora si disperdono - come dimenticate - nel vissuto dei giorni, in quel vissuto che si nutre prevalentemente di momenti presenti e di tensioni verso il futuro. Ma a volte succede che alcune di quelle tracce, tracce che ritenevamo ormai perdute e delle quali non conservavamo apparentemente memoria, riemergano improvvisamente in tutta la loro freschezza, in tutta la loro attualità, in tutta la loro urgenza. Una di queste reminiscenze è l'idea - quasi una vertiginosa visione - di un amore sovrumano, di un amore che si nutre di soli pensieri, di emozioni, di sogni; un amore sì umano, ma senza le sue limitazioni, senza le barriere, senza quei territori e recinti che lo ingabbiano, che lo limitano, che lo sviliscono rendendolo fin "troppo" umano. E non è certo per questo amore che sarei disposto a donare la mia vita.
Ma come posso - dimmi! - come possono le sole parole che ascolti trasmetterti quello che io sento agitarsi dentro di me? E come potranno mai le sole lacrime che vedi renderti partecipe di questa mirabile visione che - quasi per terrore - continuo a nascondere anche al mio cuore? È un amore questo che non ha mani, che non ha bocca, che non ha naso, che non ha occhi, che non ha orecchi, ma che - allo stesso tempo - si serve di ogni senso per farci davvero provare quell'estasi che ci santifica, quell'estasi che ci conduce nei territori sconfinati di una gioia che rende possibile l'impossibile, in territori e in spazi-tempo dove la vita - questa vita! - profuma d'eterno.
La vera bellezza che voglio - e che desidero per te, per noi - è la pienezza dell'attimo che si prolunga, che si alimenta ad ogni mio respiro… anche quando tu non ci sei.

Sully

Domenica, 13 aprile 2008

Pippa Bacca, artista di pace

Indosso
un abito da sposa,
nel pensiero
un viaggio per unire
luoghi di guerre,
di separazioni,
luoghi in cui la violenza
sembra solo perpetuarsi.
Un viaggio spezzato
in mezzo a sterpi
e a brutalità inattesa.
Ma il tuo vagare
non si è fermato là,
prosegue
nella mente e nei gesti
di chi come te
continua a dar fiducia,
affinché altro bene
ogni momento
possa sbocciare.

Robin delle stelle

Martedì, 15 aprile 2008

Ancora parole…

Ho sempre amato la tua "invadenza",
quel bisogno che tu hai di cercarmi,
di guardarmi, di toccarmi,
quell'urgenza di vicinanza
che mi fa sentire importante.
Ma cosa ti è successo?

Sapere come sto
- sapere come io stia vivendo -
sembra che ora non t'importi.
Ma quest'assenza
- questa tua mancanza di premura -
ora mi confonde… e mi fa tremare.

Se Amore non è - ti prego - il tuo
scuotimi allora, svegliami…
e lascia ch'io ritorni
ai miei luoghi,
ch'io ritrovi il mio cielo,
il mio amore, il mio canto.

Sully


Parole, parole, e ancora parole… parole frutto di rinuncia, parole figlie del dolore e sorelle del fuoco, dello smarrimento, della solitudine: quella solitudine che ora mi fa scrivere cose banali solo per poterti immaginare accanto, qui, stretta vicino a me, mentre mi ascolti. Ma credici, amare forse è anche questo: fidarsi senza ragionamenti, senza fare bilanci; amare è pure questa ingenuità che intende le cose che fai - e la tua vita - come dono che quotidianamente mi offri, come musica da condividere, da respirare, da vivere.
Forse saranno soltanto illusioni: ma so che non mi alzo al mattino senza che sia tu a svegliarmi, senza che sia tu ad accompagnarmi dove non scorgo più bellezza, dove non trovo più poesia, senza quel tuo sorriso che non fa che incollarsi al mio, senza che mai il pensiero di te e la tua figura smettano di parlarmi.
Io non so amarti in modo diverso, e non posso amarti come forse vorresti… ma so che sarà per sempre.

Sully

Giovedì, 17 aprile 2008

Senza di te

Trovo in te la tenerezza, il mistero, la fragilità… ma anche la forza, e il coraggio. Ma più di tutto vi trovo l'impulso, il desiderio e la ragione per divenire migliori. Ci sono persone che ci trascinano solo in basso… ma tu guardi lontano, e ti piace andare dove anch'io vorrei andare.
Sei stata da sempre un'idea nella mia mente, una vertiginosa visione che assomigliava un po' troppo ad un'illusione. Ma tu superi quella visione… e già vai oltre quei sogni che si ha perfino paura di sognare per non morire di nostalgia. È un amore questo che mi limito ad accettare perché supera ogni categoria, ogni definizione.

Provo quasi pietà verso chi non sa promettere, per chi non capisce nemmeno quando il farlo diventa necessario. Ogni promessa nasce quando la tensione verso il futuro diviene motivazione ed impegno di vita in seguito ad un evento che ha cambiato la vita stessa, un evento di spessore, di sostanza.
E tu sei quell'evento.

Se un giorno tu dovessi dirmi che stai per ritrovare il sogno, io non potrò che esserne felice; perché sono - e rimango sempre - il tuo angelo, colui che veglia su di te, che si preoccupa per te e ti protegge.
Quante cose sto imparando da questo amore… come capire quando è arrivata l'ora di mettersi da parte. Desidero essere Amore che libera… non vincolo che incatena.
Ma non ce la faccio senza di te.

Sully

Venerdì, 18 aprile 2008

Angeli

Piove! Stamattina, alle 6.30, mia figlia mi chiede se la posso accompagnare a scuola in macchina; me lo chiede con un po' di titubanza visto che non si tratta di un viaggetto di appena 5 minuti. All'inizio (come al solito) le dico che non è giusto!, ma poi ci ripenso, mi vesto e l'accompagno. È sempre così: io abbaio e sbraito: ma poi "calo le braghe" rendendomi disponibile.
C'è chi dice di me che sono lunatico, impulsivo e che, forse per questo, sono una persona che incute una certa soggezione; insomma: che sono un rompicoglioni! Ma poi le cose, quelle cose che "bisogna" pur fare, le faccio quasi sempre. Perfino il prete ieri mi ha chiesto se stamattina potevo andare a suonare ad un funerale in chiesa: che bellezza! e che gli suono, io, al morto? la marcia trionfale dell'Aida per aver avuto finalmente il "coraggio" di andare oltre i limiti di questo mondo?

Sully c'è! c'è sempre, di continuo; una boa in mare aperto alla quale aggrapparsi per riprendere fiato, per riacquistare la forza, quella forza sufficiente per andarsene di nuovo. E io? A chi m'aggrappo io? Chi ci bada a me? a chi importa ciò che io voglio? ciò che io desidero? Forse voglio troppo!… o forse è l'impossibile che desidero, quello che non si può pretendere di chiedere impunemente senza pagare un dazio pesante! Chissà…
D'altra parte se uno è un Angelo che cosa dovrà fare se non esserci per gli altri, se non rendersi sempre disponibile? che potrà fare un Angelo se non sposare la premura?
Sapete che vi dico? Che sono un po' stufo di essere Angelo!!!

Sully

Venerdì, 18 aprile 2008

L'aggressore smobilita

L'accerchiamento si allenta,
si attenua la tensione,
gli attimi di pace
si tramutano in ore.
La compagnia spietata
diviene sopportabile,
si allungano le assenze,
scema l'intensità.
Riprende slancio il pensiero,
torna a volar la mente,
timorosa scioglie
solidi ormeggi.
E anche le membra
confinate nel buio,
dentro poche stanze,
caute e lievi assaporano
vigore e mobilità.
Settimane sofferte,
saranno solo immagini
incollate
nell'album del passato.

Robin delle stelle

Domenica, 20 aprile 2008

Le cariche… e gli onori

Credo che il mio peggior difetto - a parte l'impulsività e quel mio essere decisamente un temperamento "lunatico" - sia quello di voler credere fino alla fine alla recuperabilità di un rapporto che si sta irrimediabilmente guastando. E nonostante alcuni colleghi mi abbiano criticato per questo - per questo mio essere troppo conciliante - in cuor mio speravo sempre si sbagliassero. Ma stamattina ho dovuto giocoforza arrendermi.
Provo a spiegarmi.
In sede di guardia sono stati sostituiti i materassi perché pieni di polvere. Il problema è che - al posto di quelli - ci hanno portato delle "stuoie" in gommapiuma sulle quali risulta impossibile riposare ("sembra quasi di dormire per terra" mi ha detto ieri sera Sara). La richiesta di sostituzione è stata fatta da Marco. Così stamattina, al cambio, gli ho chiesto d'interessarsi se potevamo riavere quelli di prima o, perlomeno, qualcosa di equivalente. "Cazzi tuoi" è stata la sua risposta, "cazzi tuoi, non sei tu il coordinatore?". E questo davanti a Sara e ad Alessia - davanti alle due giovani! Forse si sarà sentito grande, importante, a umiliarmi così davanti a loro. E poi - non contento - ha ripreso "sputandomi" addosso tutta la sua rabbia, tutto il suo rancore (e credo che - se avesse potuto - mi avrebbe anche picchiato). La cosa strana è che ad emergere - in quel momento - non è stata la mia rabbia, o l'impulsività, ma lo sbigottimento, l'incredulità… e questa umiliazione che ancora perdura.
Ringrazio Sara per le sue parole quando siamo andati finalmente via… mentre lui continuava a gridarmi "tornatene a casa… ché quello è il tuo posto!".

Sto mandando a tutti questa mia - approfittando dell'invio dei turni - meno che a Marco: perché lui non ha un'email, e non ha un cellulare… almeno non per me.

Per chi mi conosce un poco le parole che seguiranno forse non saranno necessarie; ma per chi ancora non mi conosce dico: - Non mi ha mai interessato la carica di coordinatore di guardia! L'unico effetto avuto da questa carica è stata la perdita (per due anni) dell'amicizia di Alfredo che pensava (forse) che io avessi giocato alle sue spalle. Non mi sono mai interessate le "cariche", gli onori. E l'essere "importante" per qualche cosa attinente all'attività lavorativa non ha mai rappresentato per me un fine. Sono ben altre le cose che voglio, altre le cose che davvero desidero. Pensavo - e penso ancora - che noi tutti avremmo potuto diventare un gruppo di lavoro caratterizzato dal rispetto reciproco, dal sostegno che ognuno - nei limiti del possibile - offre a ciascuno degli altri. Ci pensa già l'Utenza - quell'utenza che comunque non riesco a trattare male - ad umiliarci con le loro stupide e irresponsabili richieste. Ci pensano già loro - i pazienti - a rendere una professione bella come la nostra qualcosa di talora degradante…
Sono addolorato, davvero. E sono stanco, stanco di chi non capisce un cazzo (o che fa finta di non capire), stanco di chi si ferma alla superficie, di chi farfuglia alle spalle.
Dal momento che sono divenuto comunque il Vostro coordinatore, ho desiderato essere il coordinatore di tutti (o di quasi tutti). Non sarà possibile? Forse qualcun altro saprà farlo meglio di me. E questo - sapete - si può davvero fare! Non avevo mai considerato un vanto esserlo.
Scusate lo sfogo…

Sully


Però Marco… certo dovrebbe… però anche tu… i materassi e le stuoie…

Insomma sei in conflitto con Marco, eh?
Dammi il cell che ci penso io a difendere il mio ospite di penna; ma chi pensa di essere?
È solo un medico, e non lo invitiamo a mangiare la pizza. Così impara!
Anzi lo facciamo venire e lo facciamo pagare per tutti… cosa ne pensi?
Vendetta, terribile vendetta sul cranio di Marco… maglio tremendo che non lascia scampo… magari posso prendere anche il dolce dopo la pizza, tanto paga Marco, veh?

Robin delle irrisioni festose

Domenica, 20 aprile 2008

Neri fratelli? No, solo neri uomini

Flotte di pescherecci ultra sofisticati,
i contratti autorizzano
lo sfruttamento del mare,
il lecito è regolarizzato,
l'illecito chi può controllarlo?
Le maglie delle reti troppo strette,
lo strascico,
i limiti geografici,
chi lo verrà a sapere?

E voi,
voi che vi diciam neri fratelli,
sopra modesti pescherecci,
le stesse acque
in origine
abbondanti di pesce,
oggi
tornate con le reti troppo vuote!

E voi,
anche voi neri fratelli
che al sudore di fatiche
di secoli passati,
verdure e frutti coltivate ancora,
assaggiate, acquistate
questi nostri frutti,
costano meno,
belli e lucenti,
risultato di
concimi e semi
e agricolture sovvenzionate.

E voi,
voi neri per sfuggir la fame,
la povertà,
un futuro fosco,
vendete i pochi vostri averi,
abbandonate case, affetti,
amici e tradizioni,
per un biglietto
a bordo di un gommone
troppo affollato
nel suo insicuro navigar.

E voi,
voi neri clandestini
perché tentate di forzar le nostre barriere,
perché esportate qui da noi
la vostra fame?
Perché
dovremmo accettar
la vostra povertà?

Robin delle stelle

Martedì, 22 aprile 2008

Se un senso esiste

Portato al limite di lucidità, il pensiero si oscura, subentra il timore; al passaggio dell'immenso il cuore si smarrisce (Stefano Levi Della Torre)

Sono riuscito a riposare stanotte… nonostante le "stuoie". Ci si abitua a tutto prima o poi, a tutto, se si desidera poter continuare a camminare, se non si desidera diventare pazzi. Il sonno è stato comunque agitato, ma stavolta non dalle chiamate dei pazienti (bontà loro): ho pensato invece alla morte… che è come dire che ho sognato una volta ancora la vita. Sono quei momenti difficili che ci sfiorano al risveglio, quegli attimi tremendi che bussano violentemente sulla soglia ombrosa della coscienza quando questa è più vulnerabile, quando ci troviamo del tutto senza difese, quando abitiamo il crinale instabile del forse, dell'incertezza, del mistero.
Non ci sono risposte… e non ci sono certezze. Ci sarà mai un Dio d'Amore che ci cammina accanto? E l'effigie pallida di quell'amore umano che ci sta davanti - di quell'amore che ogni giorno incrocia i nostri occhi - ci basterà? E se questo non dovesse bastarci? e se da nessun'altra parte riuscissimo a trovare quelle risposte che cerchiamo?
Una soluzione adottata dai più è quella di chiudere le porte, quelle porte che si spalancono sull'eterna inquietudine dello spirito, su quella tensione che non riesce a saziarsi mai, su quell'immaginazione che non riesce a dissetarsi dei soli surrogati dell'infinito, quell'infinito che ci è negato, quell'infinito che continua ad escluderci.

Se guardo i tuoi occhi ogni cosa sembra finalmente ritornare al posto che le spetta. Ma sono quegli stessi occhi - i miei e i tuoi, quegli occhi che escludono ogni altra cosa che non siano i nostri volti - a riempirsi di lacrime se appena te ne vai. Quello che invece non se ne va, quello che sempre rimane è solo questo amore, quell'amore dove annego ciò che sono e quello che desidererei essere… e dove nascondo quel "sovrumano silenzio" che voglio continuare a chiamare Dio.

Sully


Domenica, 27 aprile 2008

Assaggi di quiete

Incredulità
seguire il richiamo della notte
e scoprire
esplosione
di sommessa gioia
il posto vuoto
accanto al mio.
Giorni e notti continui,
susseguirsi di ore,
si accumulano,
a formare intere settimane,
i suoi artigli graffiano,
scarniscono,
zanne aguzze strappano,
impietose
le carni
e raggiungono
le profondità dell'anima.
La temuta bestia
non è più qui con me,
ora si è allontanata
forse allestisce
un assalto feroce,
oppure indietreggia sfiancata,
nell'estenuante lotta.
Annuso e mi inebrio
di atmosfere di quiete,
e muscoli in tensione
di nuovo
per combattere.

Robin delle stelle

Domenica, 27 aprile 2008

Previsioni del tempo

Prima o poi la neve
nel disgelo si scioglierà
trasformandosi in un torrente
che schiarisce i fiumi scuri
nel loro sorvegliato cammino
verso il mare. Prima o poi
le nuvole saliranno su in alto
lasciando libero lo scenario
per gli occhi imploranti.
Prima o poi siederemo
di nuovo all'aperto
ai tavoli verniciati di fresco
e leggeremo i libri
che erano in letargo.
Vieni dunque al più presto,
perché con l'aria che tira
prima o poi si rimetterà
a nevicare.

Michael Krüger (Da Wettervorhersage, 1998)

Lunedì, 28 aprile 2008

Fugaci assaggi

Sono 130 giorni che non cavalco più il mio Guerriero: una punizione forse eccessiva autoinflittomi all'indomani di un banale guasto che mi aveva appiedato. Ma oggi "ho deciso" (dove ho già sentito questa espressione?) di aver pagato abbastanza: e così ho chiamato l'Assistenza KTM. Dopo 10 minuti è arrivato il carro attrezzi portandosi via quello che era stato il mio sogno negli ultimi 18 mesi. Che stupido a non averlo fatto prima.

Giornata ordinaria quella di oggi, quasi pallosa. Ambulatorio al mattino, un salto alle Poste, un caffè al bar, una visita infruttuosa in Banca. Ho tentato anche di scrivere qualcosa - senza tuttavia riuscirci - cullato dal tepore di una primavera che stenta davvero a mostrare il suo volto, quasi si vergognasse del suo terribile ritardo.
Sono opacato, magari un po' stanco… o forse ho soltanto bisogno di ricaricarmi dopo giorni e giorni di emozioni intense. E il silenzio che m'attornia non m'aiuta di certo a ritrovare il sorriso. Eppure sento di star bene, a parte un leggero mal di stomaco e un inizio frusto di raffreddore. Perché dunque preoccuparsi? È che ho paura dei prodromi, di quelle che riconosco come le avvisaglie, le anticipazioni della noia. E io odio la noia!
Stasera non mi sento proprio in vena di correr dietro alle scie d'argento dei miei pensieri; e così provo a scrivere qualcosa non di sostanza, forse per provare a me stesso che talvolta non è poi così male ad essere banali, scontati, insulsi, che non è poi così male se si resta a terra anziché volare. Ma già il fatto di ragionarci sopra m'insospettisce un poco…

Sto leggendo le lettere che Héloïse scriveva ad Abelardo:
«Rispondimi, se puoi. Sta a me dire quello che penso, e anche quello che tutti sospettano: a me ti hanno unito i sensi più che l'affetto, il fuoco della passione, più che l'amore? E quando ha avuto fine quel che desideravi, con esso è scomparso anche tutto ciò che ostentavi per ottenerlo. E questa, mio caro, non è soltanto la mia opinione, ma l'opinione di tutti, non è personale e privata, ma comune e pubblica. Vorrei tanto essere la sola a pensarla così, e che il tuo amore venisse compreso dagli altri, che così calmerebbero un po' il mio dolore; vorrei tanto poter trovare dei buoni motivi per scusarti e per dissimulare in qualche modo il disprezzo che mi riservi».
E ancora:
«Da lungo tempo mi stupisco nel vederti dimenticare i primissimi inizi della nostra relazione: e niente, né il rispetto di Dio, né l'amore per me, né l'esempio dei Padri, ti induceva ad accennare un gesto di conforto verso di me, agitata com'ero, sopraffatta da un'infinita tristezza: non una parola quando ero lì, non una lettera quando ero lontana. Eppure dovresti conoscere bene i tuoi obblighi nei miei confronti, tanto più che sei legato strettamente a essi dal sacro vincolo del matrimonio; la tua responsabilità verso di me ha la misura dell'amore smisurato che, come tutti sanno, continuo a provare per te».

Di fugaci assaggi spesso ci si accontenta. Ma non era certo questo il sogno di Héloïse… e neppure il mio.

Sully


Martedì, 29 aprile 2008

Oselletto selvaggio (Madrigale)

Oselletto selvaggio per stagione
dolci versetti canta con bel modo:
tal e tal grida forte ch'io non l'odo.

Per gridar forte non se canta bene,
ma con soave, dolce melodia
se fa bel canto e zò vol maistria.

Pochi l'hanno e tutti si fan maestri,
fan ballate, madrigal'e motetti
tutt'en Fioran, Filippotti e Marchetti.

Sì è piena la terra di magistroli,
che loco più non trovano discepoli.

Jacopo da Bologna (XIV sec)


Avrei preferito viver sola, così, se volete sapere la verità. Ma poiché non è stato possibile - e non è concesso quasi a nessuno - ringrazio Dio per voi - se doveva esserci un Drago - che foste Voi quel drago - (Antonia S. Byatt, Possessione)

[Testi presenti in Diario Intimo di Sullivan.sw]